Dopo tanta inattività di questi periodi, bisogna ricominciare a pedalare.

E quale migliore tracciato, molto vicino a Bormio e dalle bellezze naturali inconfondibili dell'alta montagna, per pedale in una splendida domenica primaverile.

La Val Zebrù

Ho scelto la strada militare dell'Ables da percorrere in mtb, in Valfurva, per le sue pendenze sempre costanti ed i panorami su Bormio e Santa Caterina.

Strada militare dell'Ablès

Cenni storici

La strada dell'Ables è una via militare, costruita durante la prima guerra mondiale, in quanto il passo dell'Ablès rappresentava il passaggio più veloce per raggiungere dalla Valfurva il fronte verso il Passo dello Stelvio.

Vista su Bormio

Lascio alle parole di Stefano Faifer il compito di raccontare con precisione della vita di questa opera dell'ingegno e della necessità umana.

Salita

Per percorrere la strada militare dell'Ables, si può partire da Teregua (frazione dell'abitato di San Nicolò in Valfurva) dove con una prima serie di tornanti si comincia subito a salire di quota.

Salita di San Gottardo

Io, per questo giro in mountain bike, ho preferito prenderla un poco più alla larga affrontando la salita di San Gottardo per raggiungere la località "Tre croci" e poi il parcheggio delle Fantelle. Per raggiungere la strada ho poi pedalato fino alla frazione di Plazzanecco.

Vista sulla Val Zebrù

La strada militare dell'Ables è una strada con pendenza costante di circa 8,5 km di lunghezza per un dislivello di 900 m.

La salita è molto dura, anche se il fondo è duro e tutto pedalabile.

Pausa a Fantelle

La caratteristica di questo stupendo sentiero è la natura che abbraccia i 13 tornanti: un bosco di larici prima e pini poi con diversi punti panoramici in basso verso Bormio e tutto il fondo valle ed in alto, da una parte Bormio 3000 e dall'altra la Cima Reit.

Pausa sui tornanti

Verso la cima della strada dell'Ables

Discesa

La discesa scelta è stata quella verso Solaz, da cui si gode una vista strepitosa su Bormio e i sui dintorni.

Solaz

Vista da Solaz su Bormio

Il sentiero scende con pendenze importanti e con fondo molto mosso, perciò è consignato solo a biker esperti. Per i meno esperti si può rientrare a Bormio dalla strada utilizzata per la salita.

L'ultima parte, dopo la Val d'Uzza diventa un single trail molto scorrevole e divertente.

Single Trail in Val d'Uzza

Single trail verso Bormio

Conclusioni

Il sentiero di ritorno finisce proprio sopra Bormio, da dove si ha una splendida vista.

Vista su Bormio

La famosa Piazza del Kuerc ci attende per una buona birra o un gustoso gelato per festeggiare una giornata dura, ma molto divertente.

Piazza del Kuerc

Per i dettagli tecnici dell'uscita, compreso mappa e altimetria, guarda nelle pagine dei percorsi.